sabato 1 agosto 2020

La felicità nazionale lorda del Bhutan • Scritto da Stuart


Scritto da Stuart 


Nel regno himalayano del Bhutan, la cultura buddista tradizionale ha contribuito a plasmare le politiche del governo sull'ambiente e la ricerca della felicità umana. Dovremmo tutti seguire l'esempio?

'È la casa di mio padre, ma me ne occupo mentre è via. Se n'è andato da molto tempo ormai.
Mentre parlava, le mani della signora Chozam erano vorticose con fili di cotone e la kira che cresce lentamente (abiti tradizionali avvolgenti delle donne bhutanesi) che stava tessendo su un telaio tradizionale. Facendo una pausa dal suo lavoro, agitò una mano vagamente verso nord: "Sta meditando in una delle caverne a circa quattro ore di cammino su quella montagna".
Nella direzione indicata, il pendio della montagna si innalzò bruscamente verso l'alto dalla valle del fiume. Alcune case di pietra con finestre di legno dipinte a colori vivaci si aggrappavano alle parti inferiori della collina. Teste di mais ingiallite che si asciugavano nel sole debole pendevano dalle travi del tetto e intorno a ogni casa c'erano un paio di piccoli campi a terrazze approssimativamente. Sopra l'ultima casa, però, la natura si è riaffermata. Foreste di rododendri grandi come querce e ricoperte di infuocati fiori rossi e viola mescolati a conifere a schiena dritta. Tutti erano decorati con muschio spagnolo come un milione di barbe aggrovigliate di pescatori. Per tutta la valle non c'erano nient'altro che alberi fino a quando, alla fine, morirono tra i pendii di ghiaia vuoti sotto vette di neve lontane. Sembrava un ambiente incontaminato dell'Himalaya. La signora Chozam lanciò uno sguardo pensieroso verso le montagne."Ora non tornerà a casa finché non morirà."


PENSIERI PROFONDI
Senza sbocco sul mare e stretto tra l'India e la Cina, il minuscolo (circa delle stesse dimensioni della Svizzera), il regno buddista himalayano del Bhutan crea un ottimo equilibrio sia politicamente che socialmente. Fino agli anni '50, il paese era sigillato al mondo esterno ed era uno dei paesi meno sviluppati sulla Terra. All'epoca l'aspettativa di vita media era di soli 33 anni, c'erano solo due medici in tutto il paese e il PIL per persona era di soli $ 51. Non c'era elettricità. Nessun telefono Nessun servizio postale. Niente strade. Niente auto. Le cose sono cambiate da allora.
Non dovrebbe essere affatto sorprendente sentire che il padre della signora Chozam sarebbe rimasto a meditare in una caverna remota fino alla sua morte. Lunghi periodi di meditazione solitaria sono comuni nel Bhutan. Avevo già incontrato un certo numero di persone che erano recentemente emerse dalla meditazione. Ma questi non erano meditatori casuali, un'ora prima della colazione. Quasi tutti si impegnano a trascorrere ben tre anni, tre mesi, tre settimane e tre giorni (3.333 essendo un numero propizio qui) confinati in una grotta su un pendio di montagna boscosa. Durante questo periodo non possono avere alcun contatto con il mondo esterno.
Qualche giorno prima avevo incontrato un monaco che recentemente era riemerso dopo un periodo di meditazione. "La cosa che mi ha colpito di più quando sono tornato al monastero sono stati i telefoni", ha detto. "Sì, la gente li aveva prima che io andassi nelle grotte, ma ora tutti i monaci più giovani fanno lo sguardo sui loro telefoni e giocano su di loro!"
Ma perché farlo? E come si sentono le famiglie di coloro che sono rimasti indietro quando le persone vanno a meditare? La signora Chozam ha risposto che per me: "Mio padre ora ha 62 anni. È andato alle caverne per tre anni, è tornato per alcuni mesi e poi è tornato alle caverne. Se ne è andato da nove anni. Ovviamente mi sono sentito triste quando è andato. Lo abbiamo fatto tutti. È come se stessi piangendo la morte di qualcuno. Ma allo stesso tempo siamo tutti orgogliosi. Non sta meditando per se stesso. Sta meditando per la felicità e la pace di tutti gli esseri senzienti. Le persone che vanno a meditare lo fanno per il bene di tutte le persone e tutte le creature sulla Terra. È una cosa di grande orgoglio per una famiglia quando qualcuno dedica parte della sua vita a questo. Un giorno anche io andrò a meditare, ma non ancora. Qualcuno deve preparare la cena per i bambini! 

FELICITÀ NATURALE
Quando il paese ha aperto per la prima volta le sue porte, ha dato una occhiata al resto del mondo e ha pensato a come raggiungerlo, ha cercato risposte alla propria cultura e alla forte fede buddista. Il risultato è stato un'enfasi non sul PIL (sebbene sia aumentato enormemente, così come l'aspettativa di vita e quasi tutti gli altri barometri dello sviluppo), ma sulla salute e la felicità del paese e di tutte le creature che vivono entro i suoi piccoli confini. Era come se l'intero governo stesse seguendo il percorso stabilito dal padre della signora Chozam. Il governo l'ha definita Gross National Happiness (GNH), trovando un equilibrio, dice, tra benessere materiale e benessere mentale.
Esistono quattro pilastri ufficiali di GNH:
• Sviluppo socio-economico sostenibile ed equo
• Buon governo
• Conservazione e promozione della cultura
• Tutela ambientale
Mentre la maggior parte dei governi di tutto il mondo protegge l'ambiente perché ci fornisce gli elementi essenziali della vita - acqua, cibo ed energia - la politica ufficiale del GNH del Bhutan è di proteggere l'ambiente, secondo il Center for Gross National Happiness, perché "l'ambiente si ritiene che contribuisca a stimoli estetici e di altro tipo che possono essere direttamente curativi per le persone che godono di colori vivaci e luce, brezza non contaminata e silenzio nel suono della natura ".
In molti modi l'etica ambientale del Bhutan si è evoluta dal concetto buddista di paesaggio sacro. I buddisti credono che le foreste, i fiumi e le montagne debbano essere lasciate come previsto dalla natura. Questo senso del sacrosanto ambiente è tale che le montagne più alte del Bhutan non sono state scalate. Né saranno mai sommati. L'alpinismo (ma non il trekking) è illegale in Bhutan dal 2003 per l'espressa ragione di preservare la santità delle vette dove risiedono gli dei.
Quel concetto di paesaggio sacro significa che in Bhutan un albero è più di un semplice albero. È un simbolo di lunga vita, compassione e bellezza. Inutile dire che gli alberi d'amore bhutanesi. Nel 2015, il paese è riuscito a piantare 50.000 nuovi alberi in un'ora (battendo il record mondiale nel processo) e quando il giovane, e molto adorato, è nato il primo bambino del re e della regina nel 2016, il paese ha celebrato piantando decine di migliaia di alberi.
Ma soprattutto, a causa della politica di GNH e del non-danno del buddismo a tutti gli esseri viventi, questo è un luogo che valorizza le sue foreste. Per legge, almeno il 60% del paese deve conservare la copertura naturale delle foreste per le generazioni future, ma al momento un impressionante 71% del paese è coperto da foreste (e non è che il restante 29% sia costituito da terreni urbani o agricoli. Grandi parti dell'altopiano del Bhutan sono al di sopra della linea degli alberi e sono incontaminate aree selvagge alpine).
In termini di protezione ambientale, il Bhutan è molto più avanti della maggior parte delle nazioni asiatiche, di fatto la maggior parte delle nazioni del mondo. Nel 1999, molto prima che diventasse di moda, il Bhutan divenne uno dei primi paesi a vietare parzialmente (e ora totalmente) i sacchetti di plastica; mira ad avere un'agricoltura biologica al 100% nei prossimi anni e, soprattutto, è l'unico paese a emissioni zero di carbonio del pianeta (anche se lo sviluppo e la domanda di automobili aumentano, questo diventerà più difficile da mantenere e il Bhutan punta a rimanere almeno carbon neutral).
Entro il 2030 il paese mira anche a essere totalmente privo di rifiuti. Quasi la metà (47,3 per cento) della superficie del Bhutan è classificata (e quindi protetta) come parco nazionale e santuario. Questo lo rende il quarto paese più protetto al mondo. Questi parchi sono mantenuti in modo efficiente e sono in vigore leggi rigide per il bracconaggio o il disboscamento in tali zone.
Nel maggio 2019, un rapporto delle Nazioni Unite affermava che un milione di specie animali e vegetali sono ora minacciate di estinzione e che la natura in tutto il mondo sta diminuendo a velocità mai viste prima. Le ragioni? Il nostro bisogno di sempre più cibo ed energia. Il rapporto ha continuato affermando che queste tendenze potrebbero essere fermate ma che ci vorrebbe un "cambiamento trasformativo" in ogni aspetto di come l'umanità interagisce con il mondo naturale. Uno dei modi in cui il rapporto ha suggerito che le cose potrebbero cambiare è che il mondo si allontani dal "paradigma limitato della crescita economica", ovvero smettere di usare il PIL come misura chiave della ricchezza economica e passare invece a un sistema che misura la qualità della vita umana e dei nostri effetti a lungo termine sull'ambiente. Sembra molto simile alla scala della felicità nazionale lorda del Bhutan.

DANZA DELLA GRU
Una o due settimane dopo l'incontro con la signora Chozam stavo camminando attraverso le colline che circondano la gloriosa valle di Phobjikha nel Bhutan centrale. Sulla cresta di una collina fasci colorati di bandiere di preghiera svolazzavano nella brezza. La mia guida indicò un gruppo di alberi sul lato opposto della collina. "Ci sono grotte di mediazione tra quegli alberi", mi informò.
Proprio in quel momento uno squawk distinto e roca echeggiò attraverso i cieli sopra di noi. Uno stormo di gru dal collo nero circondò una volta, due volte e poi una terza volta prima di atterrare nelle paludi sotto il grande monastero di Gangtey. La mia guida sorrise. "Le gru sono tornate", disse con un certo piacere. 'Ogni autunno vengono dal Tibet. Fanno sempre il giro del monastero tre volte. Stanno facendo un Kora (circumambulazione religiosa). Le persone qui saranno felici. Fra qualche settimana terranno un festival per dare il bentornato alla gru. "
In un TED Talk del 2016, l'allora primo ministro del Bhutan, Tshering Tobhay, si è concluso con una sfida per la comunità globale: "Ti invito ad aiutarmi, a portare questo sogno oltre i nostri confini a tutti coloro che hanno a cuore il futuro del nostro pianeta. Dopotutto, siamo qui per sognare insieme, per lavorare insieme, per combattere insieme i cambiamenti climatici, per proteggere insieme il nostro pianeta. Perché la realtà è che ci siamo dentro insieme '.
Meditando a beneficio di tutta la vita sulla Terra, proteggendo il mondo naturale solo per il piacere intrinseco che può portarci e organizzando festival per accogliere gli uccelli migratori. Mentre le gru si sistemavano per nutrirsi, non potei fare a meno di pensare che questa nazione poco conosciuta ha molto da insegnare al mondo.





Nessun commento:

Posta un commento